mercoledì, Dicembre 11, 2019
Perché ogni volta che si parla dell'Italia duale si ignora il meglio del Sud e il peggio del Nord?
Il progresso, la civiltà richiedono qualche sacrificio, e si trova sempre qualcuno disposto a farlo fare ad altri.
Le classificazioni sono gradini, indicano la direzione della violenza che le genera: dall'alto in basso.
E dopo avergli impedito di essere e di fare, si comincia a rimproverare il Sud di non essere e di non fare.
Le strade rivelano le capacità e le intenzioni di un paese. E se il nostro ignora o trascura quelle per il Sud, è perché ignora e trascura il Sud.
Nessuno può farti più male di quel che gli permetti di farti.
Noi recuperiamo pagine strappate, per sapere, finalmente, di noi stessi.
Non ci basterà ritrovare memoria e orgoglio, se non accetteremo anche la responsabilità piena della nostra sorte.
Slider
Home Autori Articoli di Pino Aprile

Pino Aprile

Pino Aprile
305 ARTICOLI 516 Commenti

Giornalista e Scrittore


“Fa' quel che devi, accada quel che può”, è la mia regola. Se ti fai condizionare dai rapporti di forza (ma “loro” hanno tutto: giornali, tv, soldi, potere...) o dalle conseguenze possibili (non otterrai nulla, in compenso ti schiacceranno) non troverai mai il momento giusto per agire. Mentre l'unica cosa che conti è la ragione di agire: se c'è, fallo. E basta. Come? Don Luigi Sturzo disse: chi sa scrivere scriva, chi sa cantare canti, chi ne è capace, faccia politica. Sono nato nel 1950, sono cresciuto in una casa popolare, ho avuto ottimi genitori. Quello che ho scritto mi ha caricato di responsabilità verso gli altri e il futuro (ho un nipote...) e ora devo risponderne. Sono qui per questo.

Tu non sai quanto è ingiusto questo Paese

“Se il Sud deruba il Nord da un secolo e mezzo, come mai il ladro è sempre più povero e il derubato è sempre...
184,223FansMi piace
395IscrittiIscriviti

Ultimo articolo

DAL BLOG ALTA TERRA DI LAVORO. A PROPOSITO DEL CARDINALE RUFFO…

Il cardinale Fabrizio Ruffo di Bagnara nella storia Posted by altaterradilavoro on Dic 9, 2019 Dieci anni or sono (1995) avevo scritto per la rivista “Calabria letteraria” l’articolo...