mercoledì, Agosto 21, 2019
Perché ogni volta che si parla dell'Italia duale si ignora il meglio del Sud e il peggio del Nord?
Il progresso, la civiltà richiedono qualche sacrificio, e si trova sempre qualcuno disposto a farlo fare ad altri.
Le classificazioni sono gradini, indicano la direzione della violenza che le genera: dall'alto in basso.
E dopo avergli impedito di essere e di fare, si comincia a rimproverare il Sud di non essere e di non fare.
Le strade rivelano le capacità e le intenzioni di un paese. E se il nostro ignora o trascura quelle per il Sud, è perché ignora e trascura il Sud.
Nessuno può farti più male di quel che gli permetti di farti.
Noi recuperiamo pagine strappate, per sapere, finalmente, di noi stessi.
Non ci basterà ritrovare memoria e orgoglio, se non accetteremo anche la responsabilità piena della nostra sorte.
Slider

Le mie prossime date


“L’ITALIA È FINITA” A BISCEGLIE

A Bisceglie, il 23 agosto alle 20,20, in Largo Castello, presentazione de “L'Italia è finita”.

Ulteriori informazioni »
Largo Castello, Biscegli,
+ Google Maps

AL PARCO STORICO DELLA GRANCIA, IL SUD SI METTE IN MARCIA

Il 24 agosto, alle 9,30, sarò con il mondo meridionalista che si incontra al parco storico della Grancia (Brindisi di Montagna - Potenza), per dare il mio contributo all'avvio di una azione politica risanatrice delle storture e delle discriminazioni che fanno del Sud una colonia, da un secolo e mezzo. Dove fallì un popolo di […]

Ulteriori informazioni »
parco storico della Grancia, Brindisi di Montagna,
+ Google Maps

LA QUESTIONE MERIDIONALE A ORIOLO

Il 25 agosto, alle 19,30, per l'Oriolo Cult Festival, convegno in piazza del Borgo sulle tematiche del Mezzoggiorno e, a seguire, un Concerto popolare di Cosimo Papandrea e una sagra con piatti tipici di Oriolo.

Ulteriori informazioni »
piazza del Borgo, Oriolo,
+ Google Maps