Home Conosci il SUD TEOREMA: LA CALABRIA È UN INFERNO

    TEOREMA: LA CALABRIA È UN INFERNO

    97
    0

    DAL GENERALE MANHÈS, A GIORGIO BOCCA, AL CASO RIACE…

    I “liberatori” (dalle pene di questo mondo) venuti a portare l’egalitè dei cimiteri, mentre rubavano tutto il rubabile, descrissero la Calabria paradiso abitato da diavoli, e il generale Manhès la rese un inferno, sterminando, torturando, stuprando, radendo al suolo paesi (mais avec beaucoup de fraternitè, naturellement); Giorgio Bocca definì “Inferno” il Sud, descrivendo anche un Aspromonte infernale ma più inventato che visto, come ha dimostrato Mimmo Gangemi; oggi il concetto è ripreso a proposito del caso Riace. Su questo, fa una interessante riflessione Ilario Amendolia, direttore de “La Riviera” (a parte quel “bravo giornalista” per Francesco Merlo, di cui ricordiamo le intemerate antiterroniche da “meridionale evoluto”, tanto da riuscirle a comporre meglio a Paris, sur le rives de la Seine, non sappiamo se pure “sur le bateau-mouche”, come la Marianne di Rino Gaetano).

    http://www.larivieraonline.com/la-calabria-%C3%A8-l%E2%80%99inferno

    Pino Aprile

    Giornalista e Scrittore


    “Fa’ quel che devi, accada quel che può”, è la mia regola. Se ti fai condizionare dai rapporti di forza (ma “loro” hanno tutto: giornali, tv, soldi, potere…) o dalle conseguenze possibili (non otterrai nulla, in compenso ti schiacceranno) non troverai mai il momento giusto per agire. Mentre l’unica cosa che conti è la ragione di agire: se c’è, fallo. E basta. Come? Don Luigi Sturzo disse: chi sa scrivere scriva, chi sa cantare canti, chi ne è capace, faccia politica. Sono nato nel 1950, sono cresciuto in una casa popolare, ho avuto ottimi genitori. Quello che ho scritto mi ha caricato di responsabilità verso gli altri e il futuro (ho un nipote…) e ora devo risponderne. Sono qui per questo.

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci un commento!
    Inserisci il tuo nome qui