Home Succede oggi RIAMMETTETE LA DOCENTE SOSPESA E SOSPENDETE IL MINISTRO

    RIAMMETTETE LA DOCENTE SOSPESA E SOSPENDETE IL MINISTRO

    926
    6

    ECCO IL VIDEO DELLA RICERCA DEGLI STUDENTI DI PALERMO. HANNO RAGIONE LORO

    https://video.repubblica.it/edizione/palermo/palermo-ecco-la-ricerca-anti-salvini-che-ha-messo-nei-guai-la-docente/334725/335326?ch_id=sfbk&src_id=8001&g_id=1&atier_id=00&ktgt=sfbk8001100&ref=fbbr&fbclid=IwAR2VKOuVbWIMZQT_pgXaGYxgHastfwuyHc0_hcUojD2QGX8y4btNEwJkzAs

    La “Repubblica” ha divulgato il video della ricerca degli studenti di Palermo, per cui è stata sospesa la loro insegnante. Ora tutti potranno valutare liberamente. La tentazione è di pensare che sia un errore mettere sullo stesso piano, per esempio, campi di sterminio e censimento dei rom, ma la ricerca mostra come ai campi di sterminio si arrivò con il censimento degli ebrei, ovvero ghettizzando, escludendo, ponendo “a parte” una quota della popolazione (essenza del razzismo e della violenza che lo muove e ne consegue), come se i rom non avessero cittadinanza italiana solo perché rom e una cosa escludesse l’altra: sbagliato, alcuni non ce l’hanno, altri sì; come se gli ebrei non avessero la cittadinanza tedesca che il nazismo disconosceva loro, perché ebrei.

    Cominci da un censimento razzista e, se le circostanze ne offrono la possibilità, finisci con i forni. Dire che non puoi dedurre quel finale da quell’inizio è pretendere che per poterlo sostenere si debba aspettare di arrivare ai campi di sterminio e ai forni. Se vedo due cose che si somigliano, ho tutto il diritto di avvertire e di sospettare che possano somigliarsi anche dopo.

    I ragazzi hanno fatto benissimo, meritano un appaluso e noi dobbiamo loro delle scuse per aver fatto trovare a questa generazione dei mostri redivivi che pensavamo sepolti negli orrori impresentabili della storia europea. La loro insegnante merita un grazie. Il ministro va sospeso e, meglio ancora rimosso, soprattutto dopo la vergognosa “bozza” per ammazzare le università del Sud.

    Pino Aprile

    Giornalista e Scrittore


    “Fa’ quel che devi, accada quel che può”, è la mia regola. Se ti fai condizionare dai rapporti di forza (ma “loro” hanno tutto: giornali, tv, soldi, potere…) o dalle conseguenze possibili (non otterrai nulla, in compenso ti schiacceranno) non troverai mai il momento giusto per agire. Mentre l’unica cosa che conti è la ragione di agire: se c’è, fallo. E basta. Come? Don Luigi Sturzo disse: chi sa scrivere scriva, chi sa cantare canti, chi ne è capace, faccia politica. Sono nato nel 1950, sono cresciuto in una casa popolare, ho avuto ottimi genitori. Quello che ho scritto mi ha caricato di responsabilità verso gli altri e il futuro (ho un nipote…) e ora devo risponderne. Sono qui per questo.

    6 Commenti

    1. Si tratta di “libertà di pensiero” e, quindi, d’interpretazione. La preoccupazione di questi ragazzi è più che giustificata e merita rispetto e libertà d’espressione.

    2. il parallelo ebrei-immigrati è del tutto errato e dimostra solo la volontà di strumentalizzare i ragazzi e l’ignoranza sulla politica di salvini. se vi pare un persecutore di ebrei questo: https://pbs.twimg.com/media/D3yE8knW4AMmSQB.jpg

      poi quest altro link, dal minuto 35 circa parla del gas israeliano che compreremo in sostituzione di quello russo: https://www.facebook.com/salviniofficial/videos/441980939884000/?notif_id=1558086601137859&notif_t=live_video

      • Caro Iannelli, la sproporzione fra gli inizi (il censimento) e la fine non può aspettare la controprova nel “come va a finire” se ne viene data la possibilità. Salvini è quello che voleva i sedili in metropolitana riservati ai milanesi, come per i bianchi in Alabama, prima di Rose Louise Parks; è quello delle ruspe contro i campi rom; il suo consulente è l’uomo del Ku Klux Klan e dei neonazisti statunitensi… Quando è finita in quel modo, cominciò in questo. L’allarme degli studenti non è ingiustificato. Anche quando cominciò il nazismo molta gente perbene non credette ai timori di chi ne vedeva i possibili sviluppi: “Siamo in Europa, in Germania!”. E invece…

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci un commento!
    Inserisci il tuo nome qui