Home Succede oggi ARRIVATA LA PRIMA COPIA. ECCO LA PRIMA PAGINA. E ARRIVATO ANCHE IL...

    ARRIVATA LA PRIMA COPIA. ECCO LA PRIMA PAGINA. E ARRIVATO ANCHE IL MERAVIGLIOSO PROTOTIPO DELLA NUOVA STILO ARGENIO

    30
    0

    Questo libro
    Da un secolo e mezzo, i meridionalisti muoiono senza veder la fine della Questione meridionale, nata in Italia con l’annessione violenta del Regno delle Due Sicilie al regno sabaudo. L’Italia unita mi piace, ma alla pari; e la Questione meridionale mi dispiace più di quanto mi piaccia l’Italia unita.
    Non voglio morire senza averne vista la fine. Ho sessantotto anni e siamo longevi in famiglia, fatevene una ragione.
    Per cui: o finisce la Questione meridionale o finisce l’Italia unita. E io ci voglio essere.
    P.S. Il mio lavoro è quello del divulgatore e, come altri, ha le sue tecniche. Per questo libro, ho ritenuto che la narrazione orale fosse più efficace di quella scritta: gli argomenti non si esauriscono in un capitolo, ma si ripropongono, dopo apparenti deviazioni sul tema, con frequente ricorso al “riresoconto”; ricompaiono più volte alcuni dati significativi e persino delle espressioni, per aiutare la memoria a legarli ai fatti cardine di questo lavoro. Ogni volta, mi rivolgo a chi non sa quanto ho sviluppato più compiutamente in altri libri. E riassumo, riepilogo: se una menzogna sempre ripetuta diventa vera, un’infamia sempre ripetuta diventa giusta. E sul Sud ci sono centocinquant’anni di menzogne e infamie da correggere. Ho immaginato di parlarvene e ho proceduto così, parando i fogli sotto la bocca perché le parole non cadessero per terra.

    Pino Aprile

    Giornalista e Scrittore


    “Fa’ quel che devi, accada quel che può”, è la mia regola. Se ti fai condizionare dai rapporti di forza (ma “loro” hanno tutto: giornali, tv, soldi, potere…) o dalle conseguenze possibili (non otterrai nulla, in compenso ti schiacceranno) non troverai mai il momento giusto per agire. Mentre l’unica cosa che conti è la ragione di agire: se c’è, fallo. E basta. Come? Don Luigi Sturzo disse: chi sa scrivere scriva, chi sa cantare canti, chi ne è capace, faccia politica. Sono nato nel 1950, sono cresciuto in una casa popolare, ho avuto ottimi genitori. Quello che ho scritto mi ha caricato di responsabilità verso gli altri e il futuro (ho un nipote…) e ora devo risponderne. Sono qui per questo.

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci un commento!
    Inserisci il tuo nome qui