Skip to content Skip to footer

SUL TRENO “ITALO”, SOLO PANINI “PADANI”

Il treno si chiama, impropriamente, “Italo”, perché dell’Italia ha un’idea, almeno dal punto di vista alimentare, da Lega Nord (quella della Padania indipendente; prima che Salvini facesse finta di essere “nazionale”, visto che a guidare la Lega nelle regioni del Sud, invia governatori dal Nord, come si fa nelle colonie): c’è pure il panino “padano”, a bordo di “Italo”-Lega; e “il triangolo”, che forse non va inteso come tramezzino di quella forma, ma quale “triangolo industriale” Torino-Genova-Milano, quando le industrie non le avevano ancora delocalizzate all’Est, o vendute o fatte fallire.

Poi, a scelta, in quanto italiani in viaggio su “Italo”, potete scegliere fra piadine con bresaola, panino parmense, o bolognese, o emiliano. Il “vegetariano” ha una contaminazione terronica, per la presenza di mozzarella (a meno che non sia di quelle clonate al Nord).

Fine della possibile, “italica” scelta alimentare. Un po’ ristretta, come si vede. Forse solo un caso, o semplicemente la fotografia ferroviaria del Paese: i treni, di Stato (con la finzione di Trenitalia, società privata con i soldi pubblici) o di compagnie private, come “Italo”, ci stanno solo al Nord, quindi si rivolgono alla clientela per la quale sono stati spesi anche i nostri soldi, senza che a noi toccasse uguale diritto ad analogo numero di linee, di corse e di velocità.

Se le Ferrovie dello Stato schifano il Sud (tramite la paraculata di Trenitalia), perché dovrebbe mostrare più interesse una compagnia privata?

Quindi, tuttapposto, tuttoinregola: che panino padano volete? Sempre che vi vada ancora di salire su un treno che non tiene conto della vostra possibile presenza.

[wbcr_text_snippet id=”1252″ title=”Firma a fine articolo”]

2 Commenti

  • mirko
    Posted 04/10/2019 alle 11:02

    Ieri sono stati i 180 anni della prima ferrovia italiana, la Napoli-Portici voluta da Ferdinando II di Borbone.
    Se fosse stata costruita da uno stato settentrionale, magari dal Piemonte sabaudo, l’evento avrebbe avuto festeggiamenti a livello nazionale.

Lascia un commento

0.0/5

Perchè il SUD viene dopo il Nord nelle politiche di sviluppo.

Scontro tra Pino Aprile e Marco Ponti, durante la trasmissione TV “Revolution” sul canale TV2000.

TGtg del 6 novembre 2018 – Ospite Pino Aprile.

Un paese a pezzi o pezzi di un paese che fatica a stare insieme? Si moltiplicano i fronti aperti tra Lega e Movimento 5 Stelle. TGtg alle 20.45 su Tv2000 con ospite il giornalista e scrittore Pino Aprile.

Storie d'Italia - RAI con Pino Aprile (la storia del Pallone di Gravina).

Pino Aprile presenta il libro: Giù al Sud da Corrado Augias. Durante la trasmissione si fa riferimento alla storia di Antonio Cucco Fiore (e del formaggio Pallone di Gravina) da Gravina in Puglia.

Pino Aprile: "Noi terroni, vessati e uccisi dal Nord".

Pino Aprile, autore del volume “Terroni”, parla dell’Unità d’Italia e dei rapporti tra nord e sud. Intervista di Giovanna Favro www.lastampa.it/salonelibro.

Pino Aprile sul voto al sud delle elezioni del 2018.

Analisi di Pino Aprile sulle elezioni del 2018. Molto interessante.

PINO APRILE - Monologo BRIGANTI & CONTRABBANDIERI 1°Edizione.

L’intervento straordinario dello scrittore Pino Aprile per spiegare il motivo, il fine e la vera essenza dell’evento BRIGANTI & CONTRABBANDIERI.

Pino Aprile intervistato da Rai Due.

Intervento straordinario dello scrittore Pino Aprile.

PINO APRILE vs MUSEO LOMBROSO DI TORINO.

Intervento di Pino Aprile fatto il 6 Maggio 2012 durante l’evento organizzato dall’Associazione Culturale Libera i Libri dal nome 1861-2012 un passato che non passa.

Francesco Amodeo e Pino Aprile.

A Tutto Tondo su Europa e Meridionalismo.

Pino Aprile: "Se non ci accordano l'Equità Territoriale, il Sud sceglierà la secessione"

Il giornalista e scrittore Pino Aprile ha presentato di recente in Calabria il “Movimento 24 agosto” dopo averlo fondato a Scampia a Napoli il 10 di ottobre.

Pino Aprile e il No del Sud al referendum.

Pino A Tele norba con Michele Cucuzza.