Skip to content Skip to footer

REQUIEM PER L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA. PRIMA I LEP, O NIENTE VOTI AL SENATO

REQUIEM PER L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA. SABRINA RICCIARDI, SENATRICE M5S: NON LA VOTO E NON SONO LA SOLA.

Il governo rischierebbe di non avere la maggioranza e di cadere se portasse la bozza di legge del ministro agli Affari Regionali, Francesco Boccia, Pd, in parlamento. Una bozza con il trucco: la senatrice Sabrina Ricciardi, campana, del M5S, in un post sulla sua pagina facebook, dimostra che l’impegno previsto (in 12 mesi si risolve tutto) si è già convinti di non poterlo mantenere e, con chiarezza che maggiore non potrebbe essere, scrive che non voterà l’Autonomia differenziata, se prima non saranno definiti i Lep, i livelli essenziali delle prestazioni uguali per tutti i cittadini italiani; ovvero quei diritti “al minimo” che, voluti dalla Lega 18 anni fa, furono messi da parte quando si accorsero che la necessaria spesa avrebbe vuotato la cassa da cui le Regioni ricche del Nord speravano di arraffare altri miliardi, dopo aver elargito qualche spicciolo ai terroni. A quel punto, virarono sull’Autonomia differenziata, ovvero il trasferimento di competenze (salute, scuola, trasporti, Protezione civile…) dall’amministrazione centrale a quelle regionali per appropriarsi, in nome di quelle, di una quantità di risorse nazionali assolutamente ingiustificata, perché non riferita al costo dei servizi, ma alle pretese dei richiedenti (persino: ai più ricchi in proporzione alla loro ricchezza, ai più poveri in proporzione a ‘sta ceppa che resta).

Il ministro Boccia aveva tirato fuori dal cilindro il coniglio della sua bozza di legge, su cui tutti i presidenti di Regione si son detti d’accordo (pure quelli del Sud: capito adesso perché stiamo come stiamo?). Il testo prevede che prima si concedono alle Regioni prepotenti alcune competenze senza Lep (che non ne prevedono la stima), poi, in 12 mesi si calcola la spesa dei Lep e subito dopo si concedono agli arraffoni le altre competenze. Se non ci si riuscisse, allora le cose resterebbero come sono: la “spesa storica” che per un secolo e mezzo ha riempito il Nord di soldi e infrastrutture, negando al Sud anche l’indispensabile sarebbe il criterio di “equa” distribuzione luciferina delle risorse pubbliche in questo Paese razzista.

Il Movimento 24 Agosto per l’Equità Territoriale si è opposto; e non siamo certo soli a essere disgustati da questo schifezza: perché mai chi vuole la spesa storica dovrebbe trovare un accordo per non averla più, se tirandola lunga per 12 mesi otterrebbe giusto quello che vuole?

Ma ora, la senatrice Ricciardi rivela che i contratti che il ministero prevede per i tecnici che dovranno definire i Lep saranno per due anni e per tre anni. E perché se in 12 mesi si dovrebbe finire?

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2431647177075205&set=a.1712637088976221&type=3&theater

A questo punto, il Pd può approvare la porcheria solo insieme alla Lega. Con cui, su questi temi, si trova in perfetta sintonia, visto che la riforma del Titolo V della Costituzione che ha aperto il baratro ai diritti differenziati è roba loro; che l’accordo con le Regioni prenditrici lo ha firmato il governo del Pd Gentiloni e che i consiglieri regionali Pd di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna hanno fatto un documento congiunto per chiedere di appoggiare il varo dell’Autonomia leghista.

Saranno capaci anche dell’ultima porcata? Trenta lo hanno fatto, vediamo se faranno trentuno.

[wbcr_text_snippet id=”1252″ title=”Firma a fine articolo”]

2 Commenti

  • Antonio Squillace
    Posted 08/12/2019 alle 21:09

    Caro Pino, 5 anni fa in un mio post del mio blog “anno1861.wordpress.com” ti citai, e predissi ciò che ora hai fatto mettendone in evidenza la necessità! Ho dovuto aspettare 5 anni ma alla fine ci siamo. https://anno1861.wordpress.com/2014/09/21/quanti-ne-siamo/ (se c’è tempo si possono anche leggere gli altri miei post !)

    • Post Autore
      Pino Aprile
      Posted 09/12/2019 alle 14:16

      non ci pensavo proprio, quasi una violenza su me stesso, ma necessaria…

Lascia un commento

0.0/5

Perchè il SUD viene dopo il Nord nelle politiche di sviluppo.

Scontro tra Pino Aprile e Marco Ponti, durante la trasmissione TV “Revolution” sul canale TV2000.

TGtg del 6 novembre 2018 – Ospite Pino Aprile.

Un paese a pezzi o pezzi di un paese che fatica a stare insieme? Si moltiplicano i fronti aperti tra Lega e Movimento 5 Stelle. TGtg alle 20.45 su Tv2000 con ospite il giornalista e scrittore Pino Aprile.

Storie d'Italia - RAI con Pino Aprile (la storia del Pallone di Gravina).

Pino Aprile presenta il libro: Giù al Sud da Corrado Augias. Durante la trasmissione si fa riferimento alla storia di Antonio Cucco Fiore (e del formaggio Pallone di Gravina) da Gravina in Puglia.

Pino Aprile: "Noi terroni, vessati e uccisi dal Nord".

Pino Aprile, autore del volume “Terroni”, parla dell’Unità d’Italia e dei rapporti tra nord e sud. Intervista di Giovanna Favro www.lastampa.it/salonelibro.

Pino Aprile sul voto al sud delle elezioni del 2018.

Analisi di Pino Aprile sulle elezioni del 2018. Molto interessante.

PINO APRILE - Monologo BRIGANTI & CONTRABBANDIERI 1°Edizione.

L’intervento straordinario dello scrittore Pino Aprile per spiegare il motivo, il fine e la vera essenza dell’evento BRIGANTI & CONTRABBANDIERI.

Pino Aprile intervistato da Rai Due.

Intervento straordinario dello scrittore Pino Aprile.

PINO APRILE vs MUSEO LOMBROSO DI TORINO.

Intervento di Pino Aprile fatto il 6 Maggio 2012 durante l’evento organizzato dall’Associazione Culturale Libera i Libri dal nome 1861-2012 un passato che non passa.

Francesco Amodeo e Pino Aprile.

A Tutto Tondo su Europa e Meridionalismo.

Pino Aprile: "Se non ci accordano l'Equità Territoriale, il Sud sceglierà la secessione"

Il giornalista e scrittore Pino Aprile ha presentato di recente in Calabria il “Movimento 24 agosto” dopo averlo fondato a Scampia a Napoli il 10 di ottobre.

Pino Aprile e il No del Sud al referendum.

Pino A Tele norba con Michele Cucuzza.