Skip to content Skip to footer

LE VITTIME ONORANO I CARNEFICI: SAN CIALDINI STERMINA PRO NOBIS

 

A SAN GIULIANO, FRAZIONE DI TEANO, UNA LAPIDE VERGOGNOSA

Sta lì da 89 anni a testimoniare come si racconta la storia, stravolgendola: a San Giuliano, una frazione di Teano, una lapide celebra, dal 1931 (piena epoca fascista, ma le altre non furono e non sono da meno), il generale Enrico Cialdini che, “con balda brigata e con l’eroico ardimento dei bersaglieri scacciava la numerosa oste borbonica aprendosi il varco per la via di Gaeta”, che il “prode” bombarderà per cento giorni, demolendola e compiendo un’altra delle sue tante stragi. Cosa che, la lapide chiama “Vittoria”.

E lo fu, certo, di un esercito che, senza dichiarazione di guerra, invase uno Stato amico e lo mise a ferro e fuoco, ne distrusse ne fabbriche, rubando anche i macchinari, svuotò le banche, le regge, le case, sterminò parte della popolazione con fucilazioni di massa, deportazioni senza condanna, carcerazioni a centinaia di migliaia, campi di concentramento; con lo stesso Cialdini che vantava, nei suoi rapporti, quante migliaia di inermi abitanti di un Paese aggredito aveva fatto uccidere, quanti preti, quante suore, quanti paesi rasi al suolo. E per dire del clima patriottico, Carlo Nievo (fratello dello scrittore garibaldino Ippolito), al seguito di Cialdini, lamenta nelle sue lettere che il generale ammazzava troppo poco, che bisognava spargere più sangue.

Per fare l’Italia, ci hanno detto. A spese di chi?

Ora, che gli Stati nazionali siano nati quasi ovunque così, per favorire la diffusione della cività industriale, è un fatto. Non è accaduto solo in Italia. Che la cosa sia stata ammantata di alti prifili ideali è un altro fatto (nella guerra di secessione degli Stati Uniti a battersi per “la liberazione degli schiavi”, c’erano quattro Stati schiavisti, e il cantore dell’uguaglianza fra gli uomini, George Washington, ne aveva duecento); ma che ci si debba anche prendere in giro, onorando gli aggressori e insultando gli aggrediti che difendevano le proprie case, è francamente troppo.

L’orgia di nazionalismo portato dal fascismo a livello di parodia di popolo in armi può far capire come quella lapide sia stata concepita e posta lì. Ma che ci resti, non si può accettare. È tempo di un po’ di verità.

2 Commenti

  • mirko
    Posted 15/02/2020 alle 23:03

    Del resto non fu Renzo De Felice a dire che il Fascismo rese il risorgimento un’epopea popolare, da elitaria qual’era stata?

    • Post Autore
      Pino Aprile
      Posted 18/02/2020 alle 09:55

      tutte operazioni sulla testa della gente, per imporle una mitologia posticcia

Lascia un commento

0.0/5

Perchè il SUD viene dopo il Nord nelle politiche di sviluppo.

Scontro tra Pino Aprile e Marco Ponti, durante la trasmissione TV “Revolution” sul canale TV2000.

TGtg del 6 novembre 2018 – Ospite Pino Aprile.

Un paese a pezzi o pezzi di un paese che fatica a stare insieme? Si moltiplicano i fronti aperti tra Lega e Movimento 5 Stelle. TGtg alle 20.45 su Tv2000 con ospite il giornalista e scrittore Pino Aprile.

Storie d'Italia - RAI con Pino Aprile (la storia del Pallone di Gravina).

Pino Aprile presenta il libro: Giù al Sud da Corrado Augias. Durante la trasmissione si fa riferimento alla storia di Antonio Cucco Fiore (e del formaggio Pallone di Gravina) da Gravina in Puglia.

Pino Aprile: "Noi terroni, vessati e uccisi dal Nord".

Pino Aprile, autore del volume “Terroni”, parla dell’Unità d’Italia e dei rapporti tra nord e sud. Intervista di Giovanna Favro www.lastampa.it/salonelibro.

Pino Aprile sul voto al sud delle elezioni del 2018.

Analisi di Pino Aprile sulle elezioni del 2018. Molto interessante.

PINO APRILE - Monologo BRIGANTI & CONTRABBANDIERI 1°Edizione.

L’intervento straordinario dello scrittore Pino Aprile per spiegare il motivo, il fine e la vera essenza dell’evento BRIGANTI & CONTRABBANDIERI.

Pino Aprile intervistato da Rai Due.

Intervento straordinario dello scrittore Pino Aprile.

PINO APRILE vs MUSEO LOMBROSO DI TORINO.

Intervento di Pino Aprile fatto il 6 Maggio 2012 durante l’evento organizzato dall’Associazione Culturale Libera i Libri dal nome 1861-2012 un passato che non passa.

Francesco Amodeo e Pino Aprile.

A Tutto Tondo su Europa e Meridionalismo.

Pino Aprile: "Se non ci accordano l'Equità Territoriale, il Sud sceglierà la secessione"

Il giornalista e scrittore Pino Aprile ha presentato di recente in Calabria il “Movimento 24 agosto” dopo averlo fondato a Scampia a Napoli il 10 di ottobre.

Pino Aprile e il No del Sud al referendum.

Pino A Tele norba con Michele Cucuzza.