Skip to content Skip to footer

IL PD NOMINA IL RESPONSABILE DELL’ECONOMIA, CONTRO IL SUD

È EMANUELE FELICE, DOCENTE IN “TUTTA COLPA DEL SUD” (E MERIDIONALE, OVVIO…).

Che significa la nomina di Emanuele Felice a responsabile economico del Pd? Che c’è sintonia, consonanza, ci si merita reciprocamente. È così? Vediamo: Felice fu catapultato su una cattedra universitaria, dopo un libro che sin dal titolo nega fatti e cause della Questione meridionale: “Perché il Sud è rimasto indietro”? “Rimasto”, capito, sì?, non lasciato, condannato, costretto con una guerra non dichiarata, centinaia di migliaia di vittime, deportati, incarcerati, la distruzione di una economia che vedeva al Sud i più grandi stabilimenti industriali allora esistenti in Italia e, da allora in poi, una politica discriminatoria feroce ancora oggi (840 miliardi sottratti in 15 anni al Sud, per dirottarli alle tangenti del Mose, dell’Expo, della Tav e altre “grandi opere” pubbliche solo a Nord).

22 PAGINE DI PRECISAZIONI, CORREZIONI E SMENTITE AL SUO LIBRO “PERCHÉ IL SUD È RIMASTO INDIETRO”. RIMASTO…, CAPISCIAMMÈ

Non c’è, nel libro di Felice, una cosa che non sia sbagliata, negativa, disonesta, se meridionale; né una che non sia giusta, positiva, onesta, se nordica. Un mondo perfetto; ma di un altro universo, perché, nel nostro, tutto è sbagliato di un errore minimo e ineliminabile, “la costante di Planck”. Felice sostiene che, al momento dell’Unità, il Sud era molto più povero del Nord: “con tutta probabilità” (cioè sì o no?). È stato smentito, con i suoi stessi dati, dai professori Vittorio Daniele e Paolo Malanima, che in una replica di 22 pagine di precisazioni, smentite e correzioni, gli chiedono pure conto del fatto che nel suo libro, il divario “preesistente” fra Nord e Sud viene indicato del 15 per cento, o del 18, anzi meno del 10, quindi fissato, Felice e Dio sanno come, o forse solo Felice, al 25. Peccato che una marea di studi (dalla Banca d’Italia, all’università di Bruxelles, alla massima autorità scientifica del Fondo Monetario internazionale) dicano il contrario e le ricerche più recenti, specie dei professori Daniele e Malanima, con migliaia di dati (inediti, perché nessuno storico li ha mai cercati in un secolo e mezzo, pur se erano “nascosti” in bella mostra al ministero del Tesoro), lo confermano ormai senza alcun dubbio: la Questione meridionale è conseguenza del modo in cui è stata unificata l’Italia e di come è da allora governata (tav al Nord, nessun treno a Sud, o scarsi e dismessi dal Nord). Ma Felice (“Tutta colpa del Sud”, ed ebbe la docenza; decenza un po’ meno), in perfetto allineamento con il potere nord-centrico pigliatutto, condanna come teorie “assolutorie” del Sud e “accusatorie” contro il Nord ogni cenno alle discriminazioni antimeridionali e alle fiabette risorgimental-massoniche.

PERSINO I MERITI, SE DEL SUD, DIVENTANO DEMERITI

E persino quando il Sud sembra avere un merito, per lui vale al contrario. Se nel Regno delle Due Sicilie per povertà non si finiva in galera (come “per vagabondaggio”, nel Regno di Sardegna) e si costruivano “alberghi per i poveri”, la cosa va probabilmente ascritta al carattere paternalistico del governo borbonico. Il Regno delle Due Sicilie era l’unico in cui l’omosessualità non era reato? Una conferma dell’arretratezza del Sud, in cui i gay (che altrove rischiavano la galera) venivano per turismo sessuale (a questo, par di capire, si ridurrebbe il fenomeno culturale del Gran Tour che vide la riscoperta culturale dell’Italia da parte dell’intellighentia europea). Mentre oggi il Sud è arretrato, perché “è un mondo basato sul maschilismo e la repressione della diversità”. Riassumo: quand’era repressivo il Nord, eravamo arretrati, perché tolleranti; quand’è tollerante il Nord, siamo arretrati, perché repressivi. Ricordai a Felice che al Sud due gay dichiarati sono stati eletti alla presidenza di importanti Regioni; mentre al Nord, di (almeno) uno, si sa, ma si finge di non sapere, nonostante la nota convivenza con il compagno (fatti loro. Ma almeno si vada piano con i pregiudizi a pioggia).

Dopo quel libro, Felice ne ha scritti altri e in pubblici dibattiti ha moderato alcune affermazioni. Ma le idee di fondo restano quelle. E che ancora oggi si insegni “Tutta colpa del Sud” all’università è avvilente: una conferma dell’uso politico della cultura e della storia a sostegno di un sistema di potere la cui vulgata può essere seriamente compromessa da nuovi studi, nuove ricerche (spesso a opera di non accademici che recuperano quello che titolari di cattedra evitano di trovare).

LEGITTIME IDEE DIFFERENTI. SE UN PARTITO SCEGLIE DI ESSERE ANTIMERIDIONALE…

Il dibattito culturale si nutre di idee differenti (un po’ sospette, se coincidono con quel che assicura buone “sistemazioni”), e sarebbe più corretto se poggiasse sui dati che via via vengono prodotti, invece che tentare di negarli, per difendere quelli già acquisiti. Tutto legittimo. Come è legittimo che un partito scelga per le sue strategie chi ritiene le rappresenti e le sostenga meglio. Quindi, se il Pd si affida a Emanuele Felice, per l’economia, significa che così vuole dare conferma e continuità alla sua linea anti-meridionalistica. Un difettuccio ben celato nella storia della sinistra italiana, se già Gaetano Salvemini lamentava che quando c’era sciopero generale per i diritti degli operai del Nord, i braccianti agricoli meridionali incrociavano le braccia e quando c’era da farlo per i terroni, al Nord entravano in fabbrica. Di fatto, la sinistra (salvo belle eccezioni, per periodi limitati) è sempre stata dalla parte del potere economico del Nord.

Per fermarci agli ultimi anni: con Renzi padrone del partito e del governo, l’economia del Pd era Luigi Mariattin (oggi in Italia Viva), ovvero quello cui il Mezzogiorno deve, oltre che al leghista Giancarlo Giorgetti, al Pun, Partito Unico del Nord, e all’assenza colpevole dei parlamentari terroni della Commissione sul federalismo, gli “zero al Sud” per asili nido e trasporto pubblico urbano. E fu una rappresentante del Pd a dire che se i meridionali non hanno asili, è perché non li vogliono, quindi inutile farne a Sud.

Il Pd ebbe un’occasione unica e storica nel 2015, quando in tutte le Regioni del Mezzogiorno furono eletti presidenti del Pd. Ma invece di impostare un’azione comune e risanatrice del divario Nord-Sud, il governo (Pd pure quello) fece guerra a chi da Sud lo proponeva. Alle successive politiche, il partito vide migrare i consensi verso i cinque-stelle e tutto il Sud si colorò di giallo.

SULL’AUTONOMIA DIFFERENZIATA, IL PD PEGGIO DELLA LEGA

Quanto all’Autonomia differenziata, nemmeno la Lega ha fatto più porcherie del Pd (si pensi alla riforma del Titolo V della Costituzione che ha spalancato il baratro; al “patto” firmato dal governo Gentiloni ormai morto con il Veneto e le Regioni secessioniste per portar via la cassa; al documento congiunto dei consiglieri regionali Pd di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, per chiedere al partito di appoggiare Salvini, nel governo giallo-verde, perché l’Autonomia a vantaggio dei ricchi e contro il Sud fosse “priorità” (il M5S di Di Maio manifestava dubbi e frenava).

Parve si aprisse uno spiraglio quando l’allora deputato Francesco Boccia, con competenze riconosciute nel settore economia del partito, fece un intervento pubblico per dire: prima approvare i Lep, i livelli essenziali delle prestazioni, ovvero i diritti uguali per tutti, poi le richieste dei ricchi di Autonomia differenziata. Ci avevamo creduto. Divenuto ministro alle Regioni e alla coesione, Boccia si converte: prima l’Autonomia differenziata, poi i Lep; entro 12 mesi. E se non ci si riesce in 12 mesi, resta tutto come prima: la spesa storica, ovvero storicamente anti-meridionale (tutto al Nord, zero al Sud).

Se tale partito sceglie quale responsabile economico Emanuele Felice, dobbiamo dedurne che la sintonia, consonanza, ci sono: si meritano reciprocamente. Se no la cosa sarebbe priva di senso. Che sia una mossa politicamente stupida, è un’idea che non deve averli sfiorati: il bottino su cui tutti i partiti vogliono mettere le mani sono i milioni di voti del Sud in libera uscita dal M5S, il più votato nel Mezzogiorno, alle scorse elezioni politiche.

Salvini pareva doverne far manbassa, ma le regionali in Calabria hanno mostrato che i like comprati sui social non sono voti e la felpa “Prima la Calabria” non basta (12 per cento alla Lega, terzo partito, per un pelo non quarto dopo FdI; appena 6 per cento a Cosenza). Il Pd dà l’idea che punti a risultati migliori fidando nella stampa fiancheggiatrice in loco, ma senza discostarsi dal Pun.

MA QUALCHE CONTO LO SBAGLIANO. A SUD STA ACCADENDO QUALCOSA

Il Partito Unico del Nord crede di avere ancora a che fare con un Sud immemore, inconsapevole, subordinato. Se così fosse, l’Autonomia differenziata sarebbe già passata: sono stati i terroni a tirar fuori i documenti che ne provano la somma ingiustizia; sempre loro a far montare la reazione popolare e a farla diventare questione nazionale. Non hanno capito niente. E forse è meglio così. I sistemi di potere che hanno ingessato il Paese e tenuto il Sud in stato coloniale sono ancora forti, fortissimi, ma non più onnipotenti. Il vecchio che vuol continuare non comprende il nuovo che sta nascendo. Grazie al Pd per avercelo ricordato.

[wbcr_text_snippet id=”1252″ title=”Firma a fine articolo”]

1 Commento

  • Santamaria Salvatore
    Posted 11/02/2020 alle 23:09

    Petizione
    Il sottoscritto Salvatore Santamaria, fu Luigi, di anni 80, pensionato
    in qualità di discendente di 5\a generazione, in linea maschile,
    del “Brigante \ Patriota” garganico Matteo Mascolo, nato a
    San Nicandro Garg. nel 1835 (data ignota) e
    fucilato in quel di Torremaggiore (Fg) il 13 marzo 1862
    CHIEDE
    al Signor Presidente della Repubblica
    ed ai Signori Presidenti della Camera dei Deputati e del Senato d’
    istituire
    UNA COMMISSIONE PARLAMENTARE D’ INCHIESTA SUL GENOCIDIO DEI MERIDIONALI
    PERPETRATO DALLE TRUPPE D’INVASIONE, AGLI ORDINI DEI SAVOIA, AI TEMPI DELLA
    GUERRA (senza dichiarazione di guerra) CONTRO
    IL REGNO DELL DUE SICILIE,
    INTERNAZIONALMENTE RICONOSCIUTO, A LIVELLO MONDIALE.
    Quale prima documentazione allega la sottostante tabella ,
    di cui al “link
    http://www4.istat.it/it/censimenti-permanenti/censimenti-precedenti
    In fede
    Salvatore Santamaria

    Bolzano, 13 febbraio 2020

Lascia un commento

0.0/5

Perchè il SUD viene dopo il Nord nelle politiche di sviluppo.

Scontro tra Pino Aprile e Marco Ponti, durante la trasmissione TV “Revolution” sul canale TV2000.

TGtg del 6 novembre 2018 – Ospite Pino Aprile.

Un paese a pezzi o pezzi di un paese che fatica a stare insieme? Si moltiplicano i fronti aperti tra Lega e Movimento 5 Stelle. TGtg alle 20.45 su Tv2000 con ospite il giornalista e scrittore Pino Aprile.

Storie d'Italia - RAI con Pino Aprile (la storia del Pallone di Gravina).

Pino Aprile presenta il libro: Giù al Sud da Corrado Augias. Durante la trasmissione si fa riferimento alla storia di Antonio Cucco Fiore (e del formaggio Pallone di Gravina) da Gravina in Puglia.

Pino Aprile: "Noi terroni, vessati e uccisi dal Nord".

Pino Aprile, autore del volume “Terroni”, parla dell’Unità d’Italia e dei rapporti tra nord e sud. Intervista di Giovanna Favro www.lastampa.it/salonelibro.

Pino Aprile sul voto al sud delle elezioni del 2018.

Analisi di Pino Aprile sulle elezioni del 2018. Molto interessante.

PINO APRILE - Monologo BRIGANTI & CONTRABBANDIERI 1°Edizione.

L’intervento straordinario dello scrittore Pino Aprile per spiegare il motivo, il fine e la vera essenza dell’evento BRIGANTI & CONTRABBANDIERI.

Pino Aprile intervistato da Rai Due.

Intervento straordinario dello scrittore Pino Aprile.

PINO APRILE vs MUSEO LOMBROSO DI TORINO.

Intervento di Pino Aprile fatto il 6 Maggio 2012 durante l’evento organizzato dall’Associazione Culturale Libera i Libri dal nome 1861-2012 un passato che non passa.

Francesco Amodeo e Pino Aprile.

A Tutto Tondo su Europa e Meridionalismo.

Pino Aprile: "Se non ci accordano l'Equità Territoriale, il Sud sceglierà la secessione"

Il giornalista e scrittore Pino Aprile ha presentato di recente in Calabria il “Movimento 24 agosto” dopo averlo fondato a Scampia a Napoli il 10 di ottobre.

Pino Aprile e il No del Sud al referendum.

Pino A Tele norba con Michele Cucuzza.